Nightmare

Somebody is pushing
Hard
On my chest
I can’t breath
Shit. It hurts

My heart is high on fear
It drums on my temples
Danger
I’m in danger
And I can’t see anything
But myself
Where am I?

I used to hide here
It’s dark it’s cold
I’m alone
As far as I don’t make any sound
I’m safe
Unless

No, please, not again
I don’t need this
I won’t go back there
I don’t have to

Outside
The crickets are playing their tiny bells
All is at peace
It’s alright now
I’m free, I’m safe

And my love will be still here
When I’ll wake up

Advertisements
Posted in Poetry | Tagged , , , | Leave a comment

Poetry, spoken

Fragments of mirrors
Glitter in the dark
It seems they’re moving
Fuck. They also talk

They talk of life
Of pain of longing
Of laughter sometimes
And then love obviously

It’s some kind of spell
Finally broken
It’s some kind of poetry
Finally spoken

Posted in Poetry, Spoken Poetry | Tagged | Leave a comment

Star and Garter, Manchester

(after the melody of The Animals, The House of the Rising Sun)

There is a house in a fair field
They call it the Garter n’ Star
And it is the home of many lost souls
And boy you know I’ve been one

Dim is the light inside there
But the beer truly tastes strong
You can toast for a while to past memories
Playing at the old billiard

The band sang aloud all night long
While we danced in the darkened room
There we glimpsed the spirit of old Manchester
Having a spiff in the glistering moon

There is a house in a fair field
They call it the Garter n’ Star
It still stands alone while the time walks past
And be sure it forever last

Posted in Manchester, Urban Writing | Tagged | Leave a comment

Petali

Sgualcisco
Petali di rosa
Tra le pieghe del letto
Mentre picchiettano
Sulle lenzuola lacrime
Della mia voglia

Io mi perdo
Nel momento
E tremo
Di rimpianto

Posted in Italian | Tagged , , | Leave a comment

Sbuccio la cipolla – Take two

Sbuccio la cipolla
Strato dopo strato
Con pazienza, con cura
E mentre sbuccio, piango

Bisogna stare attenti, sapete
Gli strati della buccia
Sono appiccicati tra loro
Se ne tiri uno troppo forte
L’altro poi si strappa
E bisogna buttare via tutto
Ma io non posso permetterlo

E poi è facile tagliarsi, già
Questo coltello è affilato come un rasoio
Roba da professionisti, altro che
Roba americana
Lama solida, inesorabile
… ho detto inesorabile?
Intendevo affidabile
A volte confondo le parole
Capita anche a voi?

… come dite?
Perché piango?
Beh, perché sbuccio una cipolla!
Non si può non piangere
Per quello che si scopre
C’è un dolore di anni
Intrappolato
Tra questi strati di pelle lucida

Vedete questi bozzi?
Questo è un divorzio, già
E quest’altro…
Quest’altro è la solitudine
Guardate quanto è grosso

Che volete farci, funziona così
Quando strappi i parassiti
Fanno male
Con quei dentini, quelle zampette
Se ne stanno abbarbicati
Dove la polpa è più delicata
Ma per fortuna ho la lama giusta
Basta un po’ d’impegno e zac!
Nella pattumiera

È vero, rimangono dei buchi, dopo
Che volete che vi dica
Spero solo di non buttare
Anche la parte buona, nel processo

Sbuccio la cipolla
Perché devo farlo
Con pazienza, con cura
E mentre sbuccio, piango

Posted in Italian, Siena | Tagged , , | Leave a comment

Farfalle

Trucioli di sole
Su lastre di cobalto
Sfarfallano via
Ridendo

Sun shavings
On cobalt slabs
Flicker away
Laughing

Posted in Bilingual, Italian, Translation | Tagged , , , , , | Leave a comment

Sbuccio una cipolla

Sbuccio una cipolla
Con lentezza, con cura
E mentre sbuccio, piango

Bisogna stare attenti, sapete
Gli strati della buccia sono appiccicati tra loro
Se tiri troppo forte quello superiore si porta via quello inferiore
Cosi’ la superficie bianca del cuore si lacera
E poi si deve buttar via tutto
Ma io non posso permetterlo

E poi e’ facile tagliarsi con questo coltello, gia’
E’ affilato come una spada
Roba da professionisti, altro che, roba americana
Lama solida, inesorabile
… ho detto inesorabile? Intendevo affidabile
A volte confondo le parole
Capita anche a voi?

Come dite?
Perche’ piango?
O bella, perche’ e’ una cipolla!
Come faccio a non piangere
Per quello che scopro sbucciandola?
C’e’ un dolore di anni intrappolato
Tra questi strati di pelle lucida
Vedete questi bitorzoli?
Sembrano bernoccoli, vero?
Questo e’ il divorzio, gia’ gia’
Quest’altro e’ la solitudine
Guardate quant’e’ grosso…

Che volete farci, funziona cosi’
Quando scavi via i parassiti
Devi strappare un pezzo di polpa
Non si scappa
E fa male, altro che se fa male
Hanno dentini aguzzi gli animaletti
Se ne stanno abbarbicati con tenacia
Ma per fortuna ho la lama giusta
Basta un po’ di pazienza e zac!
Via nella pattumiera
Spero solo di non buttare anche la parte sana
Per sbaglio

Sbuccio la cipolla
Perche’ devo farlo
Strato dopo strato, con cura
E mentre sbuccio, piango

Posted in Italian | Tagged , , | Leave a comment